Riassunto della prima mattinata di gare. Copenaghen 2017

Nove le gare effettuate in questa prima mattina di gare alla Royal Arena di Copenaghen.

Pronti partenza via e si parte subito con due colossi della farfalla italiana: Piero Codia nuota facile in 50.40 conquistando la prima piazza in vista delle semifinali di stasera, mentre Matteo Rivolta pareggia col sempreverde Laszlo Cseh per la quinta posizione in 50.80.

Seguono i 50 rana Donne dominati in queste batterie dalle due finlandesi, le uniche sotto i 30 secondi. Bene le azzurre (Arianna Castiglioni, Martina Carraro) che conquistano le gare del pomeriggio con un sesto ed un nono posto.

Ecco che si arriva ad una delle gare in programma più sentite dalla nazionale azzurra. I 50 rana Uomini promettono e mantengono. Il Fabione dai pettorali in acciaio scalza dalla prima posizione il campione mondiale della distanza in lunga firmando il Record dei Campionati (25.90), mentre dietro il giovane Nicolò Martinenghi, ottavo, si prende il record europeo Juniores in 26.43, a soli 9 centesimi dal World Record Juniores di Michael Andrew. E chissà che stasera non riesca lo scherzetto al collega americano, dato che la stagione Juniores si chiuderà per entrambi il 31 dicembre. Stay Tuned.

Nei 400 misti donne centra l’obiettivo Ilaria Cusinato, quarta posizione in 4.34.68. Fallisce l’ingresso in finale invece Stefania Pirozzi che chiude undicesima, 4.42.13. Vola l’Iron Lady Katinka Hosszu, 5 secondi di distacco dalla seconda, un abisso che sembra incolmabile per chiunque.

I 400 stile si mostrano molto compatti, senza un vincitore annunciato. Falliscono l’ingresso in finale Megli, Paltrinieri e Lombini, rispettivamente 3.45.23, 3.44.70, 3.45,71. Primo tempo di Peter Bernek, ungherese, ma si preannuncia una finale scoppiettante.

I 100 dorso dicono ancora una volta Katinka Hosszu la prima qualificata per le semifinali di stasera, quarta Silvia Scalia (57.91), quinta la divina Federica Pellegrini (57.95) alla sua prima apparizione in questa gara. Undicesima Margherita Panziera (58.19) che però non potrà gareggiare in semifinale, essendo la terza italiana. La giovane Tania Quaglieri 23esima in 59.72.

I 200 dorso Uomini sanno di delusione per la nazionale Italiana. Simone Sabbioni peggiora addirittura di 4 secondi dal tempo con cui aveva vinto a Riccione (1.55.32), mentre Lorenzo Mora limita i danni (1.53.16). Entrambi fuori da una finale che era alla loro portata. Peccato. Oggi pomeriggio attenzione al giovane russo Kolesnikov, classe 2000, che stamattina si è posizionato secondo con 1.50.92.

Si passa alla 4×50 Stile Libero Uomini. L’Italia si prepara a difendere l’argento di Netanya e a puntare anche a qualcosa di più. Scendono in acqua Dotto(21.07), Miressi(21.43), Vergani(21.81), Zazzeri(21.02) e firmano il miglior tempo della mattinata (1.25.33). Veramente entusiasmante la prima frazione di Dotto. Tutti pronti a fare il tifo nel pomeriggio.

Si chiude la mattinata con gli 800 stile libero Donne. Solo un’azzurra in gara, ma basta e avanza. Simona Quadarella si guadagna la finale col secondo tempo (8.20.41). Davanti a lei la tedesca Koehler di solo un secondo. Chissà che la nostra Simona non si porti a casa una reliquia dorata da Copenaghen proprio in questa gara, noi ci speriamo!

RICORDIAMO A TUTTI CHE LE FINALI E SEMIFINALI INIZIERANNO ALLE ORE 17.00 E SARANNO TRASMESSE SU RAI SPORT.

Per vedere i risultati completi clicca qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...